elenco siti tematici

Logo Comune di Binasco

Cosa fare per:

► Tutta la modulistica

► Contatta gli uffici

► Contatta gli amministratori

 

 CARTA DI IDENTITA'

È il documento che attesta l'identità della persona e, se richiesto con validità per l'espatrio, è equipollente al passaporto per espatriare nei paesi dell'Area Shengen (per i soli cittadini italiani).
Dal 25 giugno 2008 la carta di identità per i maggiorenni ha validità 10 anni. I documenti d'identità rilasciati o rinnovati dopo l'entrata in vigore del Decreto Legge 9 febbraio 2012, n. 5, hanno validità fino alla data corrispondente al giorno e mese di nascita del titolare immediatamente successiva alla scadenza che sarebbe altrimenti prevista per il documento medesimo.

Per il richiedente maggiorenne italiano o appartenente all'Unione Europea:

- carta d'identità precedente

- tre foto tessera a colori su sfondo bianco, uguali, recenti e con il capo scoperto

In caso di furto o smarrimento della carta d'identità precedente:

- denuncia presentata all'autorità di Pubblica Sicurezza

- altro documento d'identità in corso di validità (in alternativa occorre la presenza di due testimoni maggiorenni muniti di valido documento d'identità)

- tre foto tessera a colori su sfondo bianco, uguali, recenti e con il capo scoperto

In caso di deterioramento della carta d'identità precedente:

- restituzione del vecchio documento

- tre foto tessera a colori su sfondo bianco, uguali, recenti e con il capo scoperto

- nel caso in cui il vecchio documento, causa deterioramento, non consenta l'identificazione: restituzione di ciò che resta del vecchio documento e altro documento d'identità in corso di validità (in alternativa occorre la presenza di due testimoni maggiorenni muniti di valido documento d'identità)

Per il richiedente cittadino straniero non appartenente all'Unione Europea:

- carta d'identità precedente

- tre foto tessera a colori su sfondo bianco, uguali, recenti e con il capo scoperto

- permesso di soggiorno o carta di soggiorno, in corso di validità

La carta d’identità può essere rinnovata da 180 giorni prima della sua scadenza, con le stesse modalità previste per il rilascio.

Costo della carta di identità: € 5,42.

Costo della carta di identità in caso di furto, smarrimento e deterioramento: € 10,58

Nota bene: non è necessario rinnovare la carta d’identità in occasione di cambi di indirizzo e di residenza

IMPORTANTI NOVITA’ PER IL RILASCIO DELLA CARTA D’IDENTITA’ AI MINORI DI ANNI 18. In conformità al Decreto-Legge n. 70 del 13 maggio 2011, è soppresso il limite minimo di età per il rilascio della carta di identità, precedentemente fissato in anni quindici, ed è stabilita una validità temporale di tale documento, diversa a seconda dell’età del minore, in analogia con la durata del passaporto. La presenza del minore è sempre necessaria.

Rilascio della carta d’identità ai minori con età inferiore ai 3 anni: la carta d’identità rilasciata ai minori con età inferiore ai tre anni ha una validità di tre anni.
La richiesta del documento del minore deve avvenire in presenza di entrambi i genitori e del minore stesso. Occorre presentarsi con tre foto tessera del minore a colori su sfondo bianco, uguali, recenti e con il capo scoperto.

Rilascio della carta d’identità ai minori con età dai 3 ai 18 anni:la carta d’identità rilasciata ai minori con età dai 3 ai 18 anni ha una validità di cinque anni.
La richiesta del documento del minore deve avvenire in presenza di entrambi i genitori e del minore stesso.
Occorre presentarsi con tre foto tessera del minore a colori su sfondo bianco, uguali, recenti e con il capo scoperto.

Rilascio della carta d’identità ai minori di cittadinanza straniera: nel caso di rilascio della carta d’identità ai minori di cittadinanza straniera è necessaria la presenza di almeno un genitore e di un altro soggetto maggiorenne in qualità di testimone o di un altro documento del minore in corso di validità (passaporto). La qualità di genitore deve essere correttamente registrata in Anagrafe. Occorre inoltre che il minore sia titolare di permesso di soggiorno in corso di validità o che lo stesso figuri iscritto sul permesso di soggiorno del genitore. Nel caso di richiesta della carta di identità con permesso di soggiorno in corso di rinnovo, se nella ricevuta postale figura unicamente il nome del genitore è necessario esibire anche copia del Mod. 209 (Ministero dell'Interno). Non è necessaria la dichiarazione di assenso alla validità per l’espatrio in quanto il documento rilasciato non costituisce titolo per l’espatrio. Occorre presentarsi con tre foto tessera del minore a colori su sfondo bianco, uguali, recenti e con il capo scoperto.

 TESSERA ELETTORALE
In occasione di qualsiasi consultazione elettorale, gli elettori per poter esercitare il diritto di voto, devono esibire al seggio ove avviene la votazione la propria tessera elettorale. Questa, istituita nell'anno 2000, svolge per diciotto consultazioni le medesime funzioni del certificato elettorale che, in precedenza, veniva stampato e recapitato al domicilio degli elettori in occasione di ogni consultazione. In caso di trasferimento di residenza di un elettore da un Comune ad un altro, il Comune di nuova iscrizione provvede a consegnare al titolare una nuova tessera, previo ritiro di quella rilasciata dal Comune di precedente iscrizione. In caso di variazione di indirizzo all'interno del Comune, che comporti anche un cambio di sezione elettorale, viene spedito all'elettore un tagliando adesivo riportante l'aggiornamento che il titolare incolla all'interno della tessera elettorale.

 NASCITA
La dichiarazione di nascita deve essere resa entro dieci giorni dal parto.
Può essere ricevuta:
- entro 3 giorni dall'evento direttamente presso la direzione sanitaria dell'Ospedale o della casa di cura ove è avvenuto il parto
- entro 10 giorni dall'evento dinanzi all'Ufficiale di Stato Civile presso il Comune nel cui territorio è avvenuto il parto, oppure dinanzi all'Ufficiale di Stato Civile del Comune di residenza dei genitori.
Questa ultima facoltà è però esercitabile alle seguenti condizioni:
- la dichiarazione di nascita deve essere fatta esclusivamente dai genitori o da uno di essi (con esclusione quindi di qualsiasi altro soggetto anche se provvisto di procura speciale)
- se i genitori risiedono in località diverse, la dichiarazione va obbligatoriamente fatta, salvo diverso accordo, nel Comune di residenza della madre.
Il dichiarante deve presentare:
- un documento di identità
- l'attestazione di nascita rilasciata dal medico od ostetrica che ha assistito al parto (nel caso ne fosse sprovvisto verificare la modalità di reperimento presso l'Ufficio di Stato Civile).
N.B. Se i genitori che intendono riconoscere il bambino non sono uniti tra di loro in matrimonio è necessaria la presenza di entrambi.

  MATRIMONIO
Per poter contrarre matrimonio, sia religioso che civile, prima è necessario procedere alla richiesta di pubblicazione, da presentarsi presso l'Ufficio di Stato Civile del comune di residenza di uno dei due nubendi (preferibilmente nel Comune dove avverrà il matrimonio). I nubendi devono presentarsi presso l'Ufficio di Stato Civile almeno due mesi prima della data fissata per il matrimonio, per la sottoscrizione del verbale di pubblicazione. L'Ufficio di Stato Civile richiederà i documenti occorrenti previa richiesta degli utenti. Per i matrimoni con rito religioso o di culti acattolici la richiesta di pubblicazione verrà rilasciata dal Parroco o dal Ministro di culto.
L'atto di pubblicazione rimane affisso per otto giorni consecutivi nei Comuni di residenza degli sposi.
Per casi particolari (ad esempio il matrimonio di persona minorenne o di persona non in possesso di cittadinanza italiana), richiedere informazioni circa la documentazione da presentare direttamente all'Ufficio di Stato Civile.

  MORTE
In caso di decesso si consiglia ai famigliari di rivolgersi ad una Impresa di Onoranze funebri che normalmente effettua tutti gli adempimenti connessi a questo evento. Infatti, oltre alla denuncia di morte che deve essere presentata all'Ufficio di Stato Civile del luogo ove è avvenuto il decesso, per poter rilasciare il permesso di seppellimento è necessaria:
- avviso di morte da parte del medico
- la compilazione del modello Istat da parte del medico curante
- l'intervento dell'Ufficiale sanitario (richiesto direttamente da parte dell'Ufficiale di stato civile).

 

 
Stampa